Home / CULTURA / “Sempre caro mi fu quest’ermo colle”

“Sempre caro mi fu quest’ermo colle”

La geografia dei tuoi nei

La geografia dei tuoi nei mi trascina in un vortice impetuoso mi fa volare su una scogliera frastagliata ed io invece vorrei perdermi tra loro passeggiando, correndo e riposando tra le sue luci e le sue ombre. La geografia dei ...

Leggi Articolo »

Un semplice gradino

Seduti sopra un semplice gradino ho assaporato millimetri d’amore sfiorandoti la mano. Mi sono perso nelle galassie dei tuoi occhi senza meteoriti che vagavano, ma solo stelle che brillavano. Mi sono riscaldato da questo autunno precoce, guardando il rossore delle ...

Leggi Articolo »

Ti do un bacio, anche se per strada perderai il suo sapore.

Ti do un bacio, anche se per strada perderai il suo sapore. Mentre tornerai verso casa, saranno le nuvole ventose saranno i profumi degli alberi colmi di frutta saranno i colori del tramonto saranno e allontaneranno da te il sapore ...

Leggi Articolo »

COME LUCCIOLE NELL’OSCURITÀ

I luoghi che visiterò non saranno infiniti come il desiderio che avrò di esplorare. I compagni di viaggio non saranno numerosi come le volte che ho desiderato condividere con qualcuno il mio dolore. Ma le speranze saranno più grandi delle ...

Leggi Articolo »

Potevamo fare venti figli

Potevamo fare venti figli. Dieci biondi e nove mori. Uno uguale a te. Forse anche un po’ a me. Potevamo fare venti cose belle. Dieci vacanze e nove giornate sulla luna. Un giorno con te. Insieme. Due colibrì attorno a ...

Leggi Articolo »

Rumore di sottofondo

C’è un rumore di sottofondo. Lasciami qui mamma. Non vedi che bella la vita? Mi hai dato la mano ti ho dato la mano. Ma tu dov’eri? C’è un rumore di sottofondo in te. Lo sento anche io ma penso ...

Leggi Articolo »

Quattro gocce cadute dal cielo

Quattro gocce cadute dal cielo. Una è caduta nel fiume. Una nel lago. Una dentro il mare, e una dentro ad una pozzanghera. Tre gocce sembravano più felici. Una sembrava decisamente più triste. Quattro gocce cadute dal cielo. Un uomo ...

Leggi Articolo »

Così si chiede alla domenica.

Così si chiede alla domenica. Di essere un po’ diversa. Incanto o anche solo delicatezza. Una passeggiata di passi rilassati. Così si chiede alla testa, di ritrovarsi altrove. Laggiù, vicino al fiume che parla. Oppure là, avverbio di luogo e ...

Leggi Articolo »

Luna lariana

O luna di lago..    guardi il cigolar delle chiglie,    canto d’amor degli scafi;    e gli altri amanti,    che pur ci sono,    nascosti, bagnati,    nelle dolci acque. Algida e aprica    ti svegli tardi dai ...

Leggi Articolo »

Temporale estivo

Mi sorprende questo amore, come un temporale estivo su una terra riarsa. Mille gocce di te si rincorrono sulla pelle nuda che le riceve e le assorbe una ad una, dissetando ogni pensiero che restituisce un brivido. E mi prende ...

Leggi Articolo »