Home / CULTURA / “Sempre caro mi fu quest’ermo colle”

“Sempre caro mi fu quest’ermo colle”

Un giorno che non sei truccata.

Se potessi amarti un giorno. Un giorno che non sei truccata. Un giorno che esci di fretta per fare una commissione urgente. Così, come sei. Se potessi trovarti incasinata nel reparto dei vini o in quello dei biscotti, che non ...

Leggi Articolo »

La prima pietra di una casa, l’ultima tegola sul tetto.

Vorrei una donna che rispetti il suo algoritmo e poi lo stravolga senza ragioni, importi vascelli di pura pazzia dentro a ceste colorate di fantasie sprezzanti di realtà, una donna che dona e poi si riprende tutto lasciandomi sempre qualcosa, ...

Leggi Articolo »

Aprile scalda di un sole perfetto

Partono i liceali. I pullman pieni di parole. Le gite di aprile erano piacevoli. Canzoni alla moda e qualche vecchio pezzo ancora buono da ascoltare. Tutto ritorna. Hanno detto che torneremo. Sul finestrino un cuore umido disegnato con le dita. ...

Leggi Articolo »

Ho imparato

Ci sono notti insonne, dove ti aggrapperesti alle pareti, come se fossero ali con le quali poter volare. Come ci fossero drappeggi dipinti nei cieli infiniti. Tra le dune più alte dove poter inebriare la tua voglia di libertà. Ho ...

Leggi Articolo »

TI PORTERÒ DAI FIORI

Ti porterò dai fiori; e anche dagli alberi; ti porterò nei prati e nei boschi, ne gusteremo gli odori e i sapori. Ti porterò dai fiumi e dai laghi, sui colli e sui monti; Ne vivremo ì colori, ne saremo ...

Leggi Articolo »

Nasce una nuova carezza

Avrei voluto guardare il cielo vedendo albe e tramonti gocce di rugiada tra petali e girasoli, voli di farfalla allo schiarirsi del giorno come grappoli di uva tra le vigne. Nascere e risorgere lasciando le follie all’imbrunire del giorno, soffio ...

Leggi Articolo »

Mélancolie

L’AMOUR EST MORT   Mon amour, ton amour; l’amour de toutes et tous Filles qui n’aiment plus l’amour Filles superbes, filles volubles Filles autonomes; filles seules. Elles, les reines de l’amour. Et nous, pauvres prois d’amours fugaces et capricieux Qu’est-ce-que ...

Leggi Articolo »

Vademecum

L’aderenza con la realtà, moltitudine celebrata, con destrezza sensoriale. Ambita risolutezza, ove la mano pensante, crea la letteratura dell’espressione. Prevedere con attonita speranza, nel perdurare sulle avversità, attraverso la rivelazione erudita dell’arte. Riservarsi il tempo… Nell’elitaria riflessione, intravedendo lo spiraglio ...

Leggi Articolo »

FUORI SOGLIA

Un refolo soave e gentili augelli sent’or con dolce fiuto di fiori maggiolini Di latte è il cielo, di rugiada è l’aura, di smeraldo è il manto Primavera tardiva, anch’essa pria reclusa, gode qualche libertà, ora così preclusa O Natura ...

Leggi Articolo »

QUELLE NOTTI A METÀ

Bar aperti..son metà e son vuoti a metà. Siedi qua, ma non di là o stai dove non ti va. Fuori tardi non si fa E a ballar non si va Notti belle intere se trovi la tua metà Strade ...

Leggi Articolo »