Home / CULTURA / “Sempre caro mi fu quest’ermo colle”

“Sempre caro mi fu quest’ermo colle”

Finalmente una brutta poesia per te.

Finalmente una brutta poesia per te. Senza cuori, senza rumori, senza niente. L’ho pensata mentre mi pettinavo, ho visto il tuo reggiseno appeso al rubinetto della doccia, e niente, ho detto: Che brutto! Finalmente una poesia brutta soltanto per te, ...

Leggi Articolo »

Tu mi cerchi nel giorno. Io, nella notte.

Tu mi cerchi nel giorno. Io, nella notte. Prima del tramonto gli uccellini cantano per nostalgia. Prima dell’alba per qualche rimpianto. Luce o tenebre. Lo sai … Non avremo mai un posto alla pari. Sempre un susseguirsi di prima e ...

Leggi Articolo »

Ho sempre preferito le foglie alle persone.

Ho sempre preferito le foglie alle persone. Disse il ramo al tronco. Basta discutere! Ma li ascolti quei due? Disse l’albero alla radice. Mi ha piantato un uomo. Disse la radice alla terra. La terra sorrise e parlò alla rugiada. ...

Leggi Articolo »

Intanto

Intanto, mentre cerchi la tua strada, adattati ad altre vie per sopravvivere, mi raccomando però, non fermarti sul comodo “intanto”. Succede vero? Troppo spesso. A te è successo? Intanto, sono di nuovo a cercare vie. “Avverbi” maledetti … Gianluca Nadalini, ...

Leggi Articolo »

POTEVAMO FARE TANTE COSE

Io e te. Tante e di più Quelle che piacciono a te Quelle che piacciono a me Potevamo salire in cima alla montagna E li guardare i milioni di stelle guardare la nostra voluttà, guardare il nostro idillio Potevamo nuotare ...

Leggi Articolo »

Della tua vita, sei l’intera libreria.

Ricordatelo sempre. Non sei una parola. Non sei la frase che sottolinei. Non sei una didascalia. Nemmeno un capitolo importante. Non sei soltanto una pagina. Della tua vita, sei l’intera libreria. Gianluca Nadalini, gennaio 2018 – © Mozzafiato

Leggi Articolo »

Potevamo fare venti figli.

  Potevamo fare venti figli. Dieci biondi e nove mori. Uno uguale a te. Forse anche un po’ a me. Potevamo fare venti cose belle. Dieci vacanze e nove giornate sulla luna. Un giorno con te. Insieme. Due colibrì attorno ...

Leggi Articolo »

Autunno

    È nelle prime timide varianti di colore, che l’autunno racconta di un mondo nascosto. Certe case disabitate hanno ancora dentro sorrisi, forse anch’io. Gianluca Nadalini, ottobre 2017 – © Mozzafiato

Leggi Articolo »

Il sole per asciugarmi e un’ora per ricordare

Guardo oltre il mio cespuglio scopro una luminosa luce senza colori, non è la mia stella che osservo tutte le sere, quando non riesco a dormire. Le gocce del cielo sono state sempre dura grandine, però i miei arcobaleni mi ...

Leggi Articolo »

FRA LE MANI DEL VENTO

Ti contemplo, mentre scruti la mia vita, accasciata nel lato più oscuro di ogni bicchiere sporco di quelle speranze, che al mattino lasciano in punta di piedi la stanza dei miei sogni. Ti sorrido, mentre spulci esterrefatta tutti quegli sbagli, ...

Leggi Articolo »