Home / CULTURA / "Sempre caro mi fu quest'ermo colle" / L’IMPONDERABILE NECESSITA’ DI RADERSI

L’IMPONDERABILE NECESSITA’ DI RADERSI

Mentre la sfioro, dolcemente,

S’intrecciano impalpabili dubbi

ad estenuanti déjà vu con radici

in quei primi anni di gioventù ribelle.

 

La copro, con tocchi vellutati,

socchiudendo l’occhio furbo,

mentre, con semplici carezze affilate,

cerco la combinazione segreta

per liberarmi di lei.

 

Sento l’intimo bisogno di estirparla

dalla mia essenza.

Fino a sentire col palmo soddisfatto

l’inconscio del mio viso.

 

Ma le risa di questa ispida meretrice,

a volte sedotta e spesso abbandonata,

già riecheggiano crudelmente nella stanza.

 

Al mio risveglio sarà ancora lì,

poggiata inerte sul mio stesso cuscino.

Pronta per un’altra schermaglia,

che non conosce vincitori.

Solamente vinti.

 

Sonny Delvecchio, luglio 2015  – Mozzafiato Copyright

Ufficio Stampa