Home / CULTURA / “Sempre caro mi fu quest’ermo colle”

“Sempre caro mi fu quest’ermo colle”

Autunno

    È nelle prime timide varianti di colore, che l’autunno racconta di un mondo nascosto. Certe case disabitate hanno ancora dentro sorrisi, forse anch’io. Gianluca Nadalini, ottobre 2017 – © Mozzafiato

Leggi Articolo »

Il sole per asciugarmi e un’ora per ricordare

Guardo oltre il mio cespuglio scopro una luminosa luce senza colori, non è la mia stella che osservo tutte le sere, quando non riesco a dormire. Le gocce del cielo sono state sempre dura grandine, però i miei arcobaleni mi ...

Leggi Articolo »

FRA LE MANI DEL VENTO

Ti contemplo, mentre scruti la mia vita, accasciata nel lato più oscuro di ogni bicchiere sporco di quelle speranze, che al mattino lasciano in punta di piedi la stanza dei miei sogni. Ti sorrido, mentre spulci esterrefatta tutti quegli sbagli, ...

Leggi Articolo »

La prima pietra di una casa, l’ultima tegola sul tetto.

Vorrei una donna che rispetti il suo algoritmo e poi lo stravolga senza ragioni, importi vascelli di pura pazzia dentro a ceste colorate di fantasie sprezzanti di realtà, una donna che dona e poi si riprende tutto lasciandomi sempre qualcosa, ...

Leggi Articolo »

Giuseppina ti porterò un fiore

Giuseppina ti porterò un fiore un semplice fiore di campo di quei campi dove correvi e ridevi. Ti porterò un fiore della meravigliosa Riviera dove vivevi, che come i tuoi sentimenti è piena di luce. Ti porterò un fiore e ...

Leggi Articolo »

La scia del cigno.

Ti accompagno a casa, tranquilla. I poeti di notte non fanno paura, a dire il vero nemmeno di giorno, piccola gentile ragazza con i capelli sulle spalle, i poeti scrivono soltanto innocue poesie, se vuoi una la regalo anche a ...

Leggi Articolo »

Gli oggetti che si dimenticano diventano soltanto cose

Commuove sempre la luce che insinua nel buio il primo movimento del giorno, così come succede nel “contrario”, quando il buio inizia a coccolare il tramonto esprimendosi di stelle per la notte. Gli oggetti che si dimenticano diventano soltanto cose. ...

Leggi Articolo »

Quattro gocce cadute dal cielo

Quattro gocce cadute dal cielo. Una è caduta nel fiume. Una nel lago. Una dentro il mare, e una dentro ad una pozzanghera. Tre gocce sembravano più felici. Una sembrava decisamente più triste. Quattro gocce cadute dal cielo. Un uomo ...

Leggi Articolo »

Un giorno che non sei truccata.

Se potessi amarti un giorno. Un giorno che non sei truccata. Un giorno che esci di fretta per fare una commissione urgente. Così, come sei. Se potessi trovarti incasinata nel reparto dei vini o in quello dei biscotti, che non ...

Leggi Articolo »

Di un petalo.

Di un petalo. Al panorama non chiedo sconti. Di un’aria mite, circonferenza polmonare. Seta sulla sera, tramonto di cotone, una t-shirt comprata al mercato, “d’altronde la classe non è acqua”. Di un giorno. Merenda con pane alle olive. Di un ...

Leggi Articolo »