Home / LIFESTYLE / Cruciani,l’Islam,i napoletani e il piccolo ridicolo Parenzo.

Cruciani,l’Islam,i napoletani e il piccolo ridicolo Parenzo.

Continuo ad ascoltare saltuariamente la trasmissione radiofonica “La Zanzara”.

Ultimamente gli argomenti maggiormente trattati sono l’Islam e i napoletani. Due punti cruciali della linea redazionale di Giuseppe Cruciani. Su entrambi il conduttore romano sottolinea gli aspetti negativi, cercando in campo aperto polemiche.

Sull’Islam continua ad affermare che è una religione in contrasto con qualsiasi tipo di democrazia, invece sui napoletani, che essi sono restii e insofferenti  a qualsiasi regola civile.

A suo  favore, ricorda una ricerca effettuata dalle maggiori Università americane e inglesi, dove emerge che secondo l’81% della popolazione egiziana (sia maschile che femminile), una donna che non sia vestita “islamicamente”, è una donna che  incita allo stupro.

Su Napoli invece, Cruciani risalta il mancato incasso da parte del Comune di oltre 500 milioni di euro di multe non pagate, rammentando che solo un napoletano su cinque paga una multa .

Inoltre, l’anchorman della Zanzara paragona il richiamo del muezzin delle moschee arabe ai canti dei neo melodici napoletani.

Tutto questo ha creato non solo enormi polemiche, ma sopratutto telefonate di arabi e napoletani alla radio, piene d’insulti e addirittura di minacce di morte.

E il piccolo ridicolo Parenzo, come si muove in questa situazione?

Sugli arabi difende a spada tratta la religione islamica, sottolineando gli aspetti comuni con la sua religione giudea, invece sui napoletani, da persona scaltra e opportunista, non si esprime.

Devo anche dire che, ogni volta che sento David Parenzo parlare, mi sembra di ascoltare quello che affermava Giorgio Gaber nella canzone “Quando è moda è moda”, sugli intellettuali della “gauche caviar”.

Ultimamente una gaffe spontanea del piccolo Parenzo, ha fatto emergere il suo lato più profondo. Litigando in diretta con un ascoltatore, ha detto che dopo un invito a cena a una donna, con un omaggio floreale, bisogna “schienarla”.

Questa terminologia, piena di significato, nella sua immediatezza, risalta le caratteristiche della statura caratteriale, morale ed emozionale del giornalista ebreo.

Quella fisica, la conosciamo già.

 

Baldassarre Aufiero, giugno 2017 – © Mozzafiato

 

Ufficio Stampa