QUELLE ESTATI IONICHE

Percepisco quella dolce risacca infrangersi sulla spiaggia
rovente di ciottoli e memorie,
levigate da morbide mani salmastre.

E respiro a pieni polmoni
quel caldo sogno iridescente,
mentre sorrisi e voci mi abbracciano e mi salutano.

Di quelle soavi estati ioniche,
volate via tra tenui soffi di piacere,
mi è rimasta soltanto l’ombra.

L’inesorabile invecchiare
dei mesi
non ha però corroso il ricordo
degli amici e di quei giorni,
disposti in una foto mai scattata, appesa accanto al mio cuore,  pugnalato crudelmente
da un’acuminata nostalgia.

E mi sfugge una lacrima salata
nella quale il mio spirito s’immerge, andando alla deriva
nella mia memoria.

Sonny Delvecchio, febbraio 2016 – © Mozzafiato (Riproduzione riservata)

 

admin