Home / LIFESTYLE / Premio Ferrari – Titolo,Copertina e Articolo dell’anno.

Premio Ferrari – Titolo,Copertina e Articolo dell’anno.

Un Premio ambito dall’editoria mondiale. Un vera e propria icona per la stampa internazionale. Quest’anno a maggior ragione celebrato all’interno di EXPO, in un ambiente elegante ed esclusivo. Uno charme che si ripete annualmente. L’azienda Ferrari lo propone sempre “spumeggiando” con le sue bollicine sincere.

5331-500x331E’ stata Plaza Uomo, una delle più famose riviste svedesi , ad avere l’onore di ricevere il Premio Ferrari “L’Arte di Vivere Italiana – Articolo dell’anno”.

L’autore dell’articolo e’ stato Peter Loewe, che con molta raffinatezza ci racconta l’arte della sartoria napoletana. Un’articolo ispirato dalla sua passione per Italia, un’articolo frutto di una ricerca dettagliata, dalle immagini fino ad ogni singola parola che spiega/rappresenta/racconta/testimonia i valori della sartoria napoletana e della imprescindibile artigianalità.

Il magazine parte del Plaza Publishing Group distribuisce 22 riviste con  edizioni internazionali in cinque lingue diverse, è presente in oltre 40 paesi.

Inoltre la serata ha visto la premiazione  de Il Tempo per il “Titolo dell’Anno” e Monsieur per “La Copertina dell’Anno”.monsieur-bottura

E’ stato incoronato, per “La Copertina dell’Anno”Monsieur, il mensile edito da Swan Group, ora rinominato Arbiter, che nel maggio 2014 ha proposto una dettagliata riflessione sulla cucina italiana.

La motivazione è la seguente: “La copertina spicca per la raffinatezza e la cura del dettaglio della rielaborazione grafica: Massimo Bottura, come un personaggio di Arcimboldo, è reinterpretato con i prodotti tradizionali della sua terra, perché la cucina per rinnovarsi deve tornare al passato. Lo strillo, “Dietro la maschera del food”, propone una chiave di lettura originale per salvare l’intelligenza del cibo”.

Invece il Premio per il Titolo dell’anno è stato consegnato a  “Il coppolone” apparso sulla prima pagina de Il Tempo, storico quotidiano di Roma, il 3 dicembre 2014.

Ha vinto perché – si legge nella motivazione – “è un titolo che, con il supporto di una grafica di notevole impatto, è già passato alla storia. Perché l’unica parola, coppolone, che evoca il cupolone, simbolo di Roma, e l’immagine, una coppola per l’appunto, rendono immediatamente l’idea di uno scandalo tra i più devastanti nell’ultima cronaca italiana e i cui effetti sono tutt’altro che conclusi”.

il_coppolone_il_tempo5Bisogna sottolineare, come da oltre un secolo, Ferrari è sinonimo di eccellenza e di grandi prodotti. Senza dimenticare che l’azienda veneta è sempre stata capace di valorizzare il lavoro di tanti viticoltori che non utilizzano concimi e diserbanti chimici.

A proposito, il presidente di Ferrari, Matteo Lunelli ha comunicato l’imminente uscita sul mercato di un Ferrari bio.

 

Ad maiora, ops all’anno prossimo.

Baldassarre Aufiero e Teodora Koeva, giugno 2015 – Mozzafiato Copyright

admin