Home / CULTURA / "Sempre caro mi fu quest'ermo colle" / Le Liriche del Conte: “Randagiar m’è dolce”

Le Liriche del Conte: “Randagiar m’è dolce”

        Tu che lieve vai, dell’aurora adorna
e guizzi e fuggi e mai ti fermi;
        diffidi eppur curiosi,
        confidi eppur ritieni.
        Lontana vicinanza fai gustare,
        e tutti i sensi inebriare!
        Allegra imbronciata,
        fai goder;misurata.
        O fulva musa di tal piccol canto,
        docil fiera..dolc’è sognar tue curve.

 

Il Conte, dicembre 2014 – Mozzafiato Copyright 

Ufficio Stampa