Home / LIFESTYLE / DUE DEL GIORNO / ELOGIO DEL RANDAGISMO (Vagare notturno in cerca dell’anima gemella)

ELOGIO DEL RANDAGISMO (Vagare notturno in cerca dell’anima gemella)

Vagate per calli e per campi (vie e piazze van benissimo ugualmente!); conoscete e fatevi conoscere da sconosciuti; scegliete e fatevi scegliere da persone nuove; comunque uscite dalla vostra casa e dal vostro computer! E non ogni tanto, ma spesso, quasi sempre.amorevirtuale-2
Usate bei nicknames se volete(sarete valutati anche per quelli), ma non nella password o nel profilo, bensì nelle strette di mano o nelle presentazioni vis-à-vis;e abbandonate gli avatars!
Randagismo assona con  ‘random’ porta sempre qualcosa di casuale,quindi di inatteso, di nuovo; la vostra stanza no.
Il randagismo notturno poi genera fascino e mistero aggiuntivi, oltre che meditazione e riflessione;e non mi sembra poco. Sicuramente un’alternativa preferibile all’accalcarsi nel locale di turno per competere, oltre che con gli altri clienti e ospiti, con i numerosi suoi lavoranti.
Il randagismo se fatto con grazia, eleganza, discrezione e sobrietà ha una connotazione positiva e perde quell’accezione negativa che il senso comune gli associa.Conte per articolo
Il randagismo è pericoloso? Beh, non più delle altre attività quotidiane.
Il randagismo è faticoso? Certo, non vorrete viver da debosciati..e comunque camminare è salutare.
Il randagismo porta brutti incontri? Beh, non ci si è obbligati:ci si incontra in due; comunque non più degli incontri virtuali via networks vari, nei quali sì si insinuano e si camuffano agevolmente le persone più insidiose!
Conte 2In randagismo selezionate de visu coloro con cui volete interagire, non fidandovi delle maschere dietro le quali si nascondono nelle chat varie.
Il randagismo dev’esser solitario, direi quasi per definizione,perché espressione di libertà:solo da soli siamo liberi di fare o di non fare ciò che più ci aggrada e di accettare o rifiutare chi preferiamo, senza il condizionamento di amici o conoscenti. Non omologatevi o sminuitevi all’interno di un gruppo;basta con i branchi.
Sembrano tutte ovvietà, ma la socialità è ormai così compromessa da farle sembrare stranezze!
Il Conte, maggio 2014 – Mozzafiato Copyright

admin